Omega-3: un toccasana anche per l’intestino

Un recente studio dell’Università di Nottingham e del King’s College London, pubblicato su Scientific Reports, ha evidenziato che gli Omega-3 contribuiscono a far funzionare bene e regolarmente la “macchina” intestinale, mettendola al riparo da disturbi e patologie.

Gli studiosi hanno preso in esame 876 donne, sottoposte a un prelievo ematico per verificare i loro livelli di Omega 3.
Dai dati raccolti è emerso che le persone che possedevano concentrazioni più elevate di Omega 3 nel sangue, avevano anche una flora intestinale più ricca di batteri “buoni”, in grado di garantire il benessere del microbioma e di metterlo al riparo da alcune patologie.

Una corretta assunzione di Omega-3 comporta quindi una migliore funzionalità dei processi intestinali, intervenendo anche in forma preventiva contro patologie quali diabete, colite e morbo di Chron.
Come spiega la co-autrice dello studio Cristina Menni, i ricercatori hanno scoperto che «batteri specifici che sono stati legati a una minore infiammazione e a un minore rischio di obesità risultavano aumentati nelle persone con una maggiore assunzione di acidi grassi Omega 3».
Non solo: è stato rilevato che molti di questi acidi grassi nel sangue sono correlati con alti livelli di un composto denominato N-carbamilglutamato (NCG) nell’intestino, che negli animali ha dimostrato di ridurre lo stress ossidativo intestinale.

Fonte in italiano: Agenzia ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.