Gli Omega-3 fanno bene al cervello fin da bambini

omega 3 bambiniGli Omega-3 fanno bene al cervello dei bambini fin dai primissimi anni di età.

Lo ha recentemente dimostrato uno studio del North Carolina Research Campus pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition.

I ricercatori hanno confrontato in un campione di bambini tra sette e nove anni il tasso di omega-6, acidi grassi tipici della carne e degli oli vegetali, con quello di omega-3.

”I bambini che mangiavano troppi omega-6 avevano una più bassa velocità di elaborazione dei dati della memoria – spiegano gli autori – e più difficoltà nel risolvere i problemi di programmazione rispetto a quelli che assumevano invece quantità maggiori di omega-3 ”.

Fonte in inglese: North Carolina Research Campus

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Gli omega-3 aumentano le capacita’ mentali

UE omega-3Gli omega-3 sono estremamente importanti anche per chi deve ancora nascere.

Nel 2010 un comitato sostenuto dall’Unione Europea appoggiato anche da sette organizzazioni scientifiche internazionali, aveva raccomandato l’assunzione di 200 milligrammi al giorno di omega-3 di tipo DHA. L’assunzione di DHA era stata associata allo sviluppo del cervello e degli occhi.

Clicca qui per leggere il comunicato originale dell’Unione Europea:
http://www.oliodipesce.it/unione-europea-gravidanza-omega-3.html

I risultati di un nuovo studio, pubblicati sull’American Journal of Clinical Nutrition, dimostrano che i bambini nati da donne che avevano consumato più omega-3 durante la gravidanza riportano migliori risultati nei test di intelligenza verbale, delle abilità motorie sottili e del comportamento prosociale.

I risultati sono frutto del progetto NUTRIMENTHE (“Effect on diet on the mental performance of children”), sostenuto dall’Unione Europea con un contributo di 5,9 milioni di euro. Il pesce grasso è la fonte principale degli acidi grassi omega-3 a catena lunga come l’acido decosaesaenoico (DHA), un componente strutturale chiave delle cellule e in particolare delle membrane cellulari del cervello.

La Commissione europea sostiene ufficialmente che l’acido grasso omega-3 DHA “contribuisce al normale sviluppo cerebrale del feto e dei neonati allattati al seno e al normale sviluppo degli occhi del feto e dei neonati allattati al seno“.

Lo studio ha coinvolto oltre 2 000 donne alla ventesima settimana di gestazione. Il team ha somministrato acidi grassi omega-3 al bambino attraverso il trasferimento placentare per mezzo del cordone ombelicale.

In uno studio precedente i ricercatori avevano scoperto che l’assunzione di omega-3 durante la gravidanza è associato al quoziente di intelligenza (QI) verbale all’età di 8 anni.

Fonte: Unione Europea

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Gli Omega-3 raccomandati per i bambini

Un interessante articolo relativo alle cure alternative per i bambini è stato pubblicato sul New York Times.
Nell’articolo viene esaminato un recente studio del Governo americano, secondo il quale un bambino su nove “pratica yoga, va da un chiropratico, prende un integratore come l’olio di pesce o usa qualche altro tipo di cura alternativa”.

Mentre vengono discusse diverse cure alternative per bambini, alla fine viene riportata una interessante considerazione sull’olio di pesce della Dott.ssa Kathi Kemper, capo della sezione per la medicina integrativa e complementare dell’American Academy of Pediatrics e professore di Pediatria alla Wake Forest University:
“Ho chiesto agli psichiatri se utilizzano l’olio di pesce e sembra che venga raccomandato dall’80 per cento degli psichiatri, e lo stesso fanno i cardiologi”.

Perché l’olio di pesce è così importante per i bambini?
Forse perchè, come dimostrato da numerosi studi, gli Omega-3 migliorano le prestazioni scolastiche, la memoria verbale e le capacità ortografiche, ed è più efficace dei medicinali sull’ADHD (Sindrome da deficit di attenzione e iperattività).

 

Link dell’articolo citato (in inglese): New York Times

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Bambini più attenti a scuola con gli omega-3

Molti sono i bambini colpiti dalla sindrome di iperattività con deficit di attenzione, conosciuta clinicamente come Adhd.
Purtroppo questa malattia, nella stragrande maggioranza dei casi, viene confusa con la vivacità. In effetti si tratta di una reale patologia, che compromette la natura dei rapporti interpersonali dei bambini sia nella modalità di relazione con i familiari sia con i propri coetanei. L’unica terapia conosciuta fino ad ora è quella farmacologica, ovvero, la somministrazione di psicofarmaci vita natural durante.
Nei soggetti affetti da questa sindrome è stata riscontrata una carenza di omega 3. Medici ed esperti hanno percorso la via sperimentale della prescrizione di farmaci a base di omega 3. Questa soluzione ha portato a risultati incoraggianti. Ciò non significa aver risolto il problema dell’Adhd, ma sicuramente aver offerto un ulteriore strumento per la gestione di questo disturbo. L’assunzione di acidi grassi viene raccomandata dalla Unione Europea (clicca qui per la fonte in inglese) e dalle più autorevoli associazioni pediatriche e di nutrizione clinica a livello mondiale. Nel dosaggio quotidiano di almeno 200 milligrammi di Dha; queste quantità si possono ricavare da un paio di assunzioni di pesce la settimana.
Se non si consuma pesce a sufficienza, è necessario fare ricorso ad integratori.
L’acido docosaesaenoico Dha, inoltre, viene considerato un substrato essenziale da assumere durante la gravidanza e l’allattamento per garantire un ottimale esito della gestazione e dello sviluppo del bambino.

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Comitato dell’Unione Europea raccomanda l’assunzione di integratori di omega-3 durante la gravidanza

I bambini presentano più facilmente un peso alla nascita nella norma e le probabilità di parto prematuro diminuiscono

Le donne in gravidanza dovrebbero assumere ogni giorno un integratore di acidi omega-3, secondo quanto raccomandato da un comitato di consenso sostenuto dall’UE. L’integratore aumenterebbe le probabilità di avere un figlio sano e potenzierebbe lo sviluppo del bambino.

Il comitato, composto da oltre 50 esperti nutrizionisti coinvolti nei progetti «Perinatal Lipid Nutrition Group» (PeriLip) e «Early Nutrition Programming» (EARNEST), finanziati dall’UE, afferma di avere scoperto che integrando la dieta con DHA le gravidanze sono più sane, i bambini presentano più facilmente un peso alla nascita nella norma e le probabilità di parto prematuro diminuiscono.

Secondo la raccomandazione, appoggiata anche da sette organizzazioni scientifiche internazionali, le madri in attesa e quelle che allattano dovrebbero assumere 200 milligrammi al giorno di un tipo di acido grasso della serie omega-3 chiamato acido docoesaenoico (DHA), contenuto nel pesce grasso come il salmone e lo sgombro. L’assunzione di DHA è stata associata allo sviluppo del cervello e degli occhi.

«Sulla base di analisi sistematiche delle prove disponibili, questo gruppo di esperti internazionali, sostenuto dall’UE, è giunto all’unanime conclusione che le donne dovrebbero assumere regolarmente l’acido grasso DHA durante la gravidanza e il periodo di allattamento, in quanto questo acido ha un’enorme importanza per la salute del bambino», ha riferito al Notiziario CORDIS il professor Berthold Koletzko, dell’ospedale pediatrico presso l’Università di Monaco (Germania).

Il comitato ha tuttavia riscontrato che le diete delle madri occidentali tendono ad essere povere di cibi che possono fornire la dose necessaria. Gli esperti sostengono che questo può essere dovuto al limitato grado di consapevolezza sul ruolo svolto dagli omega nello sviluppo del neonato.

Gli integratori DHA sembrano avere un impatto su varie affezioni e patologie. Prove recenti suggeriscono che essi possono alleviare i sintomi di disturbi quali la schizofrenia, la depressione, la dislessia e l’Alzheimer.

La Food Standards Agency informa che, per le donne in gravidanza e per le donne che allattano, è generalmente prudente il consumo settimanale di due porzioni di pesce grasso di mare, necessarie per assumere la quantità raccomandata di DHA.

L’Agenzia informa inoltre che il DHA può essere assunto anche sotto altre forme, fra cui gli integratori.

Fonte: © CORDIS.EUROPA.eu Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Pesce in gravidanza e il bimbo cresce

Una dieta ricca di pesce durante la gravidanza, in particolare durante gli ultimi mesi, sembra favorire la crescita del bambino, riducendo la probabilità di partorire bambini sottopeso. Ne parla uno studio i cui risultati saranno pubblicati sulla rivista specializzata Journal of Epidemiology and Community Health.

Lo studio ha coinvolto un numero estremamente elevato di partorienti: ben 12.000 donne. L’importanza di tale risultato risiede nel fatto che un neonato sottopeso va incontro a un rischio maggiore di cardiopatie e diabete. Alle partecipanti allo studio è stato richiesto di annotare il consumo di pesce dopo la 32esima settimana di gestazione, quindi dopo circa 7 mesi e mezzo.

In base all’analisi di quanto riportato dalle madri, i ricercatori hanno calcolato l’apporto di acidi grassi omega 3, noti per gli effetti benefici sulla salute cardiovascolare tra cui una maggiore fluidità del sangue, che attraversa con più facilità la placenta, e la prevenzione di aritmie. In media è emerso che le donne assumevano l’equivalente in acidi omega 3 di un terzo di una scatoletta di tonno al giorno, pari a circa 0,15 grammi. I benefici sull’organismo della madre e del nascituro aumentavano all’aumentare di pesce introdotto con la dieta.

Una crescita ridotta del feto sopraggiunge in una gravidanza normale in circa un caso su dieci, mentre nelle donne che non mangiano mai pesce avviene in un caso su otto, circa il 13 per cento. La Food Standards Agency sconsiglia, tuttavia, di introdurre nella dieta carne di squalo, merluzzo, pescespada e tonno per l’alta percentuale di mercurio presente in questi pesci.

(Fonte Yahoo Salute 13/05/2004)

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?