Archivi categoria: intestino

Uno «scudo» naturale per prevenire il tumore al colon

Prove sia sperimentali che epidemiologiche mostrano come gli Omega-3 dell’olio di pesce esercitano effetti protettivi contro alcuni tipi di cancro comuni.

Meccanismi multipli sono coinvolti in questa attività chemiopreventiva, compresa la soppressione della trasformazione neoplastica, l’inibizione della crescita cellulare e l’aumento dell’apoptosi (la morte naturale delle cellule del cancro), e l’antiangiogenicità (cioè la capacità di bloccare la formazione dei vasi sanguigni attorno alle masse tumorali, affamandole).

Una recente review pubblicata su Clinical Nutrition Research, ha in particolare analizzato gli effetti degli Omega-3 sul cancro del colon-retto, la terza causa più comune di morte correlata al cancro nel mondo, con 35 mila nuovi casi ogni anno in italia.

Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, in particolare l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido eicosapentaenoico (EPA), inibiscono lo sviluppo del cancro del colon sottoregolando l’espressione di geni coinvolti nella carcinogenesi.
Questi meccanismi biochimici includono la riduzione dell’infiammazione e l’inibizione della proliferazione, metastasi e angiogenesi delle cellule tumorali, inducendo la loro differenziazione e apoptosi e modificando la cascata lipidica.

I dati provenienti da studi di laboratorio, epidemiologici e clinici confermano quindi il ruolo benefico degli Omega-3 nella prevenzione della colite e del successivo sviluppo del cancro del colon.

Inoltre, studi recenti suggeriscono che gli Omega-3 possono essere efficaci come adiuvanti con agenti chemioterapici e altri composti antitumorali naturali nella gestione del cancro del colon.

Fonte in inglese: Clinical Nutrition Research

Omega-3: un toccasana anche per l’intestino

Un recente studio dell’Università di Nottingham e del King’s College London, pubblicato su Scientific Reports, ha evidenziato che gli Omega-3 contribuiscono a far funzionare bene e regolarmente la “macchina” intestinale, mettendola al riparo da disturbi e patologie.

Gli studiosi hanno preso in esame 876 donne, sottoposte a un prelievo ematico per verificare i loro livelli di Omega 3.
Dai dati raccolti è emerso che le persone che possedevano concentrazioni più elevate di Omega 3 nel sangue, avevano anche una flora intestinale più ricca di batteri “buoni”, in grado di garantire il benessere del microbioma e di metterlo al riparo da alcune patologie.

Una corretta assunzione di Omega-3 comporta quindi una migliore funzionalità dei processi intestinali, intervenendo anche in forma preventiva contro patologie quali diabete, colite e morbo di Chron.
Come spiega la co-autrice dello studio Cristina Menni, i ricercatori hanno scoperto che «batteri specifici che sono stati legati a una minore infiammazione e a un minore rischio di obesità risultavano aumentati nelle persone con una maggiore assunzione di acidi grassi Omega 3».
Non solo: è stato rilevato che molti di questi acidi grassi nel sangue sono correlati con alti livelli di un composto denominato N-carbamilglutamato (NCG) nell’intestino, che negli animali ha dimostrato di ridurre lo stress ossidativo intestinale.

Fonte in italiano: Agenzia ANSA

Omega-3 efficaci contro il cancro dell’intestino

Gli Omega-3 aumentano le possibilità di sopravvivere al tumore all’intestino.
A sostenerlo uno studio della Aberdeen University.
Tra i benefici vi sarebbe inoltre un’azione di contrasto alla diffusione delle cellule tumorali nel resto dell’organismo.

I ricercatori hanno valutato l’impatto degli acidi grassi Omega-3 e Omega-6 una volta processati dalla digestione.
Per farlo sono stati analizzati i profili clinici di 650 pazienti affetti da tumore all’intestino.

La ricerca ha evidenziato che il processo digestivo degli Omega-3 favorisce la produzione di enzimi in grado di attaccare le cellule tumorali migliorando le probabilità di sconfiggere la malattia.
Inoltre chi mostrava i livelli più alti di Omega-3 (e minori di Omega-6) aveva indici di sopravvivenza migliori e una minore diffusione del tumore nel resto del corpo.

I risultati sono stati presentati sulla rivista British Journal of Cancer.
Come ha sottolineato il professor Graeme Murray, autore principale dello studio: “Le molecole che scaturiscono dalla digestione degli Omega-3 prevengono la diffusione del tumore dell’intestino.
I nostri risultati sono importanti perché evidenzia un nuovo percorso per comprendere la sopravvivenza dal cancro intestinale”.

Fonte in inglese: Aberdeen University.