Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Omega-3: essenziali per la tua salute

Gli acidi grassi omega-3 vengono definiti anche “essenziali” come alcune vitamine, perché il corpo non è in grado di sintetizzarli e devono quindi essere introdotti con l’alimentazione.

La recente letteratura scientifica riporta ormai numerosi studi che dimostrano l’importanza degli omega tre per il tuo benessere, in quanto:

  • Abbassano il colesterolo totale e aumentano il colesterolo “buono” HDL, contribuendo a mantenere il tuo cuore sano
  • Riducono i tuoi trigliceridi anche del 40%
  • Abbassano la tua pressione arteriosa
  • Migliorano la tua memoria, la concentrazione e l’apprendimento
  • Sono essenziali perché la tua pelle rimanga sana e vitale, e ne contrastano l’invecchiamento
  • Ostacolano la formazione di trombi
  • Diminuiscono il rischio d’infarto
  • Abbassano il rischio per alcuni tipi di cancro
  • Diminuiscono i sintomi dell’angina e delle palpitazioni cardiache
  • Sono essenziali nella gestazione
  • Riducono il rischio di degenerazione maculare dei tuoi occhi
  • Migliorano il tuo umore e le forme di depressione
  • Rinforzano il tuo sistema immunitario
  • Migliorano i sintomi della psoriasi,dell’artrite reumatoide, dell’Alzheimer, del morbo di Crohn, del Lupus, della schizofrenia, dei disturbi bipolari, della sindrome pre-mestruale e delle mestruazioni dolorose

Inoltre:
sono costituenti delle membrane cellulari
• rimpiazzano i grassi saturi rendendo le membrane cellulari più fluide, prevenendone l’irrigidimento e il deterioramento
• sono utili nelle funzioni del sistema ormonale
• aiutano il corpo a mantenere la sua temperatura

Sarebbe quindi necessario avere un’alimentazione molto ricca di pesce, possibilmente di taglia piccola in modo da evitare l’inquinamento da mercurio ed altre tossine, presenti in nei pesci medio-grandi al vertice della catena alimentare.

Il fabbisogno minimo giornaliero di omega-3 (come consigliato anche dalla FAO) è l’1,5% del fabbisogno calorico giornaliero.

Ad esempio se assumi con l’alimentazione 1800 kcal al giorno dovresti ingerire almeno 3 g di omega tre, dose che in realtà spesso non si riesce a raggiungere perché gli alimenti ricchi di questi grassi non sono molto appetibili, e non tutti vogliono o riescono a mangiare ogni giorno pesce.

Nel caso tu non riesca a raggiungere le quantità giornaliere raccomandate di Omega-3 attraverso l’alimentazione, diventa allora fondamentale la scelta di un integratore.

..
Basta davvero qualche pillola comprata al supermercato?

Insomma sembra facile: per mantenersi in salute e prevenire molte malattie basta prendere ogni giorno una capsula o più di Omega-3, magari acquistata al supermercato.

Peccato che non sia così: il 90% dei prodotti venduti da supermercati, erboristerie, negozi online e perfino farmacie sono quanto meno inefficaci, se non dannosi per la salute.

Se come me hai acquistato una confezione di Omega-3 fai una cosa molto semplice: leggi l’etichetta e verifica quanti omega-3 sono contenuti per 100 grammi di prodotto.

Ho davanti a me una confezione di una marca molto pubblicizzata venduta in farmacia: all’interno ci sono 17 grammi di omega-3 (indicati anche come EPA e DHA) per 100 grammi di prodotto, insomma solo il 17%!
In un’altra confezione acquistata al supermercato ce ne sono il 12%…

Questo significa che per assumere la quantità minima raccomandata di omega-3 (in media 3 grammi al giorno) dovrei prenderne almeno 27!

Quindi 2 o 3 capsule al giorno di questo tipo di integratori sono sicuramente inutili… ma allora da che cosa è costituito il restante 90% della capsula?

Per cercare di capirlo ho provato a verificare sui loro siti internet se esistono dei certificati di analisi, anche per verificare la qualità dell’olio di pesce utilizzato. Non avendo trovato nulla, ho provato anche a scrivere alle ditte, ma senza alcun risultato.

Questo ultimo aspetto è molto importante: se l’olio di pesce è di bassa qualità, a causa dell’inquinamento marino è possibile trovare al suo interno degli inquinanti molto pericolosi come il mercurio, o addirittura cancerogeni come le diossine e il PCB.

..

Come scegliere un integratore di qualità

Ma facendo qualche altra ricerca si possono trovare dei prodotti di altissima qualità, degli integratori di olio di pesce che contengono una percentuale molto elevata di omega-3 (superiore al 60%) e che sottopongono ogni lotto di produzione all’analisi di un istituto indipendente, riconosciuto a livello mondiale dai principali produttori di omega tre.

Questo istituto si chiama IFOS -International Fish Oil Standards con sede presso la University of Guelph in Canada- e sul loro sito è possibile trovare l’elenco aggiornato delle ditte e le relative analisi dei prodotti.

Proprio per l’elevata qualità del prodotto – praticamente è puro al 100% – questo tipo di olio è chiamato “di Grado Farmaceutico” – in inglese Pharmaceutical Grade Fish Oil, in sigla PGFO.
L’elenco delle ditte e delle analisi è consultabile sul sito di IFOS (in inglese) raggiungibile cliccando su questo sito (in fondo alla pagina).

Delle 15 ditte che producono olio di pesce di grado farmaceutico certificato da IFOS , il Miglior Acquisto è la canadese A-M B-Well perché:

  • i prezzi sono scontati fino al 40% rispetto ai concorrenti ed ha il rapporto qualità/prezzo migliore in assoluto, soprattutto se si acquistano più flaconi;
  • produce il più puro tra gli oli di pesce di grado farmaceutico: ha un contenuto di PCB (inquinanti tossici simili alla diossina) decisamente più basso rispetto ai concorrenti, e migliaia di volte più basso rispetto a quanto stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, praticamente ai limiti della tracciabilità.
    Pur in queste quantità minime ed inoffensive, la presenza di PCB in un integratore di Omega-3 può aiutarci a capire la purezza delle materie prime utilizzate (pesce pescato in mari poco inquinati) e la qualità del processo produttivo di raffinazione.
  • A-M B-Well ha la certificazione IFOS su TUTTI i lotti di produzione, quindi hai la certezza di acquistare un prodotto purissimo e freschissimo;
  • A-M B-Well PGFO è prodotto nella forma di trigliceride naturale in modo da assicurare una biodisponibilità fino al 250% più alta rispetto alla forma di estere etilico contenuta in altri prodotti (insomma devi assumere meno capsule per ottenere gli stessi effetti).
    A-M B-Well PGFO omega-3

Il certificato di analisi (virtualmente esente da inquinanti, concentrazione del 65% di Omega-3) è consultabile qui: certificato omega-3

 

Aspetti negativi? Essendo un olio di pesce di grado farmaceutico ha un costo maggiore dei generici integratori da supermercato. Ma se si decide di utilizzare gli omega-3 per migliorare o mantenere la propria salute, non avrebbe senso acquistare un prodotto scadente, anche se economico.

Ti faccio poi notare che integrare la propria alimentazione con gli omega-3 di grado farmaceutico ha un costo giornaliero inferiore a quello di un caffè

Io acquisto da loro da più di tre anni, e sono soddisfatto (i pacchi arrivano per corriere in 3 – 4 giorni), e gli effetti sulle mie analisi del sangue (e sulla mia sensazione di benessere in generale) sono evidenti.
Il servizio clienti di A-M B-Well mi ha sempre risposto a qualsiasi domanda in tempi brevi, al massimo nel giro di poche ore.

Preferisco acquistare casse da 12 flaconi, in modo da avere lo sconto massimo, visto che comunque la scadenza è sempre lontana (3 anni circa). 

Ho trovato anche qualche loro cliente sui forum online, e sono contenti per il rapporto qualità/prezzo, guarda anche le conclusioni della guida all’acquisto di Omega-3 di Guida Consumatore (in fondo alla pagina):
www.guidaconsumatore.com


Puoi acquistare A-M B-Well PGFO su questo sito:

www.OlioDiPesce.it


Spero di esserti stato utile e… mi raccomando, prima di acquistare leggi sempre l’etichetta!


..

P.S.

Per capire ancora meglio l’importanza dell’integrazione di grassi Omega tre concentrati e distillati molecolarmente riporto un brano dal libro “La Zona Omega 3rx” (Sperling & Kupfer Editori) del Dr. Barry Sears, biochimico e ricercatore del Massachusetts Institute of Technology , ed ideatore della Dieta a Zona:

“Come avrete già ampiamente inteso, io sostengo con convinzione l’opportunità di integrare la dieta con dosi elevate di olio di pesce. Prima di decidermi a consigliare ad altri una mia nuova concezione dietetica, la sperimento sempre su me stesso, sui miei famigliari e sui miei collaboratori.

L’olio di pesce ad alto dosaggio è in prova già da tre anni su un gran numero di pazienti, con risultati sempre stupefacenti, come potrete verificare più in dettaglio nella Parte terza.

Dato che le dosi da me raccomandate sono alquanto elevate rispetto agli standard abituali (ma non rispetto agli standard storici), consiglio di procurarsi l’olio di pesce concentrato e distillato più volte.

Questo tipo di olio di pesce risulta persino superiore alle mie specifiche, pur rigorose, riguardanti la purezza del prodotto: in pratica, le sostanze nocive, come i PCB o il DDT, sono ridotte a livelli bassissimi, grazie ad un processo di raffinazione che esclude anche l’eventualità di essere colpiti da disturbi gastrointestinali spesso associati ad oli di pesce di qualità inferiore.

Al grado di integrazione di omega-3 da me consigliato, un olio di pesce meno purificato provocherebbe un accumulo di impurità tossiche che si sono dimostrate capaci i danneggiare il sistema ormonale, causando fastidiosi disturbi intestinali (formazione di gas, dolori addominali e diarrea) e, in qualche caso, anche il cancro.”

Gli Omega-3 fanno bene al cervello fin da bambini

omega 3 bambiniGli Omega-3 fanno bene al cervello dei bambini fin dai primissimi anni di età.

Lo ha recentemente dimostrato uno studio del North Carolina Research Campus pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition.

I ricercatori hanno confrontato in un campione di bambini tra sette e nove anni il tasso di omega-6, acidi grassi tipici della carne e degli oli vegetali, con quello di omega-3.

”I bambini che mangiavano troppi omega-6 avevano una più bassa velocità di elaborazione dei dati della memoria – spiegano gli autori – e più difficoltà nel risolvere i problemi di programmazione rispetto a quelli che assumevano invece quantità maggiori di omega-3 ”.

Fonte in inglese: North Carolina Research Campus

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Questa è la principale causa di cecità, scopri come prevenirla con gli Omega-3

omega 3 occhiLa degenerazione maculare senile (AMD) è la principale causa di cecità nelle persone di età superiore ai 50 anni. La patologia porta ad una lenta e progressiva perdita di funzionalità, con diminuzione della visione centrale.

Già in passato alcuni studi avevano dimostrato che gli omega-3 possono ridurre la possibilità di sviluppare la degenerazione maculare di oltre il 40%.

Un nuovo studio appena pubblicato su PharmaNutrition ha dimostrato che utilizzando ogni giorno integratori di omega-3 EPA e DHA si è verificato un significativo miglioramento di acuità visiva nel 100% dei pazienti affetti da AMD.

Il notevole miglioramento è avvenuto entro quattro mesi e mezzo dall’inizio dell’integrazione con 3,4 g di EPA e 1,6 g di DHA.

Alla luce di questi risultati possiamo asserire che gli omega-3 prevengono e migliorano i sintomi della degenerazione maculare senile.

Ogni capsula di A-M B-Well PGFO contiene minimo 0,4 g di omega-3 EPA e 0,2 g di DHA, mentre 1 cucchiaino da the (5 ml) di Liquid Gold contiene 3 g di EPA e 2 g di DHA.

Fonte in inglese: PharmaNutrition

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

 

Sai come proteggere la tua pelle dai danni del freddo? Gli Omega-3 sono la risposta.

omega 3 freddoL’esposizione al freddo di questi giorni ha come prima conseguenza quella di ridurre il flusso di sangue che porta ossigeno e sostanze nutritive alla pelle.

Per questo motivo giorno dopo giorno la pelle tende a disidratarsi, seccarsi, screpolarsi e ad essere più soggetta ad irritazioni ed infiammazioni.

Per proteggere la pelle più sensibile, come quella del viso, sarebbe necessario coprirsi bene, ma utilizzare la protezione di un passamontagna non è davvero una soluzione molto pratica.

Per alzare uno scudo a protezione di viso e mani, le zone più esposte ai problemi invernali, è quindi consigliabile ricorrere ad una integrazione di Omega-3.

Gli Esquimesi, grazie ad una alimentazione a base di pesce, riescono ad esempio ad evitare oltre ai problemi cardiovascolari anche tutte le patologie legate al freddo.

Gli Omega 3, grazie alla loro azione anti-infiammatoria, riducono i fenomeni di irritazione della pelle e favoriscono l’arrivo delle sostanze nutritive perché contrastano l’eccessiva riduzione del flusso sanguigno alla pelle prodotto dal freddo.

Inoltre gli Omega 3, proprio come difendono i pesci dal congelamento in acque gelide, consumati regolarmente entrano nelle membrane delle cellule conferendo ad esse maggiore elasticità e resistenza contro l’irrigidimento indotto dal freddo. Sono infatti componenti fondamentali delle membrane biologiche e del tessuto epiteliale.

Questi acidi grassi essenziali partecipano anche alla formazione del film idrolipidico prodotto a livello della cute e del cuoio capelluto dalle ghiandole sebacee e da quelle sudoripare.

Per difendere la pelle dai rigori invernali è consigliabile quindi introdurre ogni giorno almeno 2,5 grammi di Omega-3 EPA e DHA, equivalenti a 4 capsule di A-M B-Well PGFO oppure 4 ml (1 cucchiaino da the scarso) di Liquid Gold.

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Omega-3 contro la depressione stagionale

Non tutti forse sanno spiegarsi il perché quando arriva l’autunno e le giornate si accorciano molte persone sono assalite da un senso di tristezza, mancanza di energie, affaticamento, disturbi del sonno e del desiderio sessuale, aumento dell’appetito, tendenza all’isolamento e minor produttività.

Tutta questa lunga serie di sintomi identificano una sindrome precisa nota come “disturbo dell’umore ad andamento stagionale” (SAD, Seasonal Affective Disorder), o, più semplicemente, depressione autunnale.

Si tratta di un disturbo dell’umore legato alle variazioni meteorologiche e in particolare alla diminuzione, durante il periodo autunnale e invernale, dell’esposizione alla luce solare che colpisce il 4-5% delle persone ma, in forma lieve, può interessare fino a un italiano su dieci.

Per affrontare il problema gli Omega-3 sono un valido aiuto.

Molti studi scientifici hanno infatti dimostrato una correlazione tra bassi livelli di Omega-3 nel sangue e tendenza alla depressione.

I ricercatori dello Swallownest Court Hospital di Sheffield (Regno Unito), ad esempio, hanno evidenziato in uno studio come gli Omega-3 possono migliorare tutta una serie di sintomi caratteristici della depressione, quali:
- tristezza,
- mancanza di energie
- ansia
- insonnia
- diminuzione della libido
- tendenza al suicidio

I numerosi studi sull’argomento fanno pensare che gli Omega 3 agiscano sull’umore e permettano di limitare la depressione attivando la secrezione della melatonina, un ormone prodotto dal cervello.

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

 

Con gli omega 3 diminuisce rischio artrite

Il consumo di Omega-3 riduce il rischio di sviluppare artrite reumatoide.

Lo afferma uno studio del Karolinska Institute di Stoccolma pubblicato dalla rivista Annals of the Rheumatic Diseases.

I ricercatori hanno studiato 32mila donne nate tra il 1914 e il 1948 tra il 2003 e il 2010, dividendole in cinque categorie in base al consumo di Omega-3 dal pesce, da un minimo di 0,21 grammi al giorno o meno a un massimo di mezzo grammo al giorno.

Nel periodo studiato 205 donne hanno sviluppato l’artrite reumatoide, e nelle donne che avevano un consumo superiore a 0,35 grammi al giorno di Omega-3 il rischio è risultato minore del 52 per cento.

Ti ricordo che una sola capsula di A-M B-Well PGFO contiene 0,60 grammi di Omega-3, circa il doppio di quanto necessario per dimezzare il rischio di sviluppare artrite reumatoide.

Fonte in inglese: Annals of the Rheumatic Diseases

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Gli Omega-3 contrastano i tumori della pelle

omega-3 pelleUn nuovo studio, pubblicato su Carcinogenesis (Oxford University Press), mostra come gli Omega-3 (in particolare l’EPA), possano inibire la crescita ed indurre la morte delle cellule tumorali di un tipo di carcinoma cutaneo responsabile della maggioranza dei tumori della pelle, ma che può colpire anche l’apparato digestivo, i polmoni ed altre zone del corpo.

Il team della Queen Mary University di Londra ha verificato che l’Omega-3 EPA blocca selettivamente la crescita ed induce la morte delle cellule tumorali sia nello stadio iniziale che in quello avanzato dei tumori della pelle e del tratto orale, senza avere effetto sulle cellule sane.

Entrambi gli acidi grassi Omega-3 DHA ed EPA sono risultati efficaci, ma in particolare anche basse dosi di EPA hanno bloccato la crescita del cancro.

Fonte in inglese: Carcinogenesis (Oxford University Press)

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

 

Migliora la memoria del 20% con gli omega-3

omega 3 memoriaUno studio pubblicato recentemente sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che gli omega-3 (in particolare il DHA) migliorano considerevolmente la memoria.

Lo studio è stato effettuato su 176 persone con età compresa tra i 18 ed i 45 anni.

Il gruppo dei volontari che ha assunto integratori di omega-3 per 6 mesi ha migliorato in modo significativo le perfomance mnemoniche.

Gli uomini hanno migliorato del 20% le prestazioni della memoria a breve termine, mentre le donne hanno manifestato benefici soprattutto sulla memoria a lungo termine.

Questa scoperta rinforza precedenti studi nei quali era stato evidenziato come gli omega-3 proteggono il cervello dall’invecchiamento precoce e aiutano a prevenire malattie degenerative come l’Alzheimer.

Ti ricordo che gli integratori di omega-3 A-M B-Well contengono omega-3 DHA nella forma di trigliceride naturale (TG) ad alta biodisponibilità.

Fonte in inglese: American Journal of Clinical Nutrition

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Omega-3 alternativa agli antidolorifici

Un nuovo studio condotto dall’Università di Duke ha fatto emergere un ulteriore effetto positivo dell’olio di pesce per la salute, ovvero quello di proteggere dalle neuropatie croniche provocate da lesioni o interventi chirurgici altamente invasivi.

In particolare, i ricercatori statunitensi coordinati dal professor Ru-Rong Ji hanno scoperto che un derivato dell’acido docosaesaenoico (DHA, un Omega-3), ha specifiche funzioni antidolorifiche e capacità di ridurre il gonfiore nelle zone lese in test di laboratorio su cavie.

Il derivato dell’Omega-3 è la neuroprotectina D1, che già in passate ricerche aveva dimostrato di essere in grado di proteggere da malattie neurodegenerative come la Corea di Huntington o il Morbo di Parkinson.

“Questo composto derivato dagli Omega-3 – sottolinea il dottor Ru-Rong Ji – si trova comunemente nell’olio di pesce, ma è 1000 volte più potente dei suoi precursori nella capacità di ridurre le infiammazioni“.

“Il dolore cronico – prosegue lo studioso – derivante da importanti procedure mediche come le amputazioni o gli interventi di chirurgia toracica o del seno è un problema davvero molto serio. Attualmente si contrasta con oppiodi ed antidolorifici di vario genere, che tuttavia possono portare alla dipendenza e persino alla distruzione dei nervi sensoriali, per questa ragione si tratta di una scoperta molto importante“.

Fonte in inglese: Annals of Neurology

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Gli omega 3 proteggono dallo stress

Un nuovo studio della Michigan Technological University pubblicato dall’American Journal of Physiology, ha aggiunto un ulteriore valido motivo per l’assunzione di olio di pesce: secondo questa nuova ricerca gli omega-3 proteggono il cuore in situazioni di stress.

I ricercatori hanno fatto assumere un supplemento di nove grammi di olio di pesce al giorno per due mesi a una parte di un gruppo di 67 persone, mentre il resto riceveva un placebo (una sostanza inerte).
Al termine del periodo i gruppi sono stati sottoposti a un test per indurre stress mentale, e nel frattempo venivano misurati diversi parametri legati allo stress cardiaco.
Per il gruppo che aveva assunto omega-3 gli indicatori dello stress, dal battito cardiaco all’attività dei muscoli simpatetici, sono risultati minori.

“I dati supportano ed estendono la crescente evidenza che l’olio di pesce, e gli omega-3 in particolare, possono avere importanti benefici nel controllo neurale cardiovascolare degli esseri umani”, ha detto il Prof. Carter, che ha condotto lo studio.

“Nella società frenetica di oggi, lo stress è certo come la morte e le tasse”, ha aggiunto. “Inoltre, le nostre abitudini alimentari sono peggiorate.
Questo studio dimostra che l’olio di pesce può essere di beneficio per la salute cardiovascolare, soprattutto quando siamo esposti a condizioni di stress.”

Carter ha offerto un ultimo consiglio: “Se non lo fai già, prendi in considerazione la supplementazione di olio di pesce, oppure mangia spesso cibi naturali ad alto contenuto di acidi grassi omega-3.”

Fonte in inglese: The American Physiological Society

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Gli Omega-3 contrastano i danni del sole sulla pelle

omega 3 sole

omega 3 sole

Gli Omega-3 sono una delle parti costitutive più importanti delle pareti nelle cellule della pelle, ed aiutano la cute a non perdere acqua.

In questo modo la pelle è meno soggetta ad infiammazioni, più elastica, con un aspetto più giovane.
Favoriscono inoltre il trasferimento della melanina nell’epidermide, per una pelle più protetta ed una abbronzatura intensa.

In aggiunta a tutto questo, un recente studio dell’Università di Manchester ha evidenziato che una integrazione regolare di Omega-3 riduce della metà il fattore di rischio di sviluppo di tumori come carcinomi e melanomi.

In particolare gli Omega-3 combattono l’immunosoppressione indotta dai raggi solari, la quale riduce la capacità della pelle di contrastare il cancro e le infezioni.

I 79 volontari che hanno partecipato allo studio, finanziato dall’Association for International Cancer Research, hanno assunto 4 g al giorno di Omega-3, e sono stati esposti fino a 30 minuti al giorno all’equivalente di una luce solare estiva.

La capacità della pelle di contrastare cancro ed infezioni è stata del 50% più alta nei volontari che avevano assunto Omega-3, rispetto a coloro ai quali era stato somministrato un placebo (una sostanza inerte).

Il Professor Rhodes, che ha condotto lo studio, ha precisato che gli Omega-3 non sono un sostituto delle creme solari, ma devono essere visti come un ulteriore fattore di protezione per evitare problemi alla pelle dovuti all’esposizione solare.

Fonte in inglese: The American Journal of Clinical Nutrition

 

>> Post più visto:
Gli integratori di Omega-3 fanno male?