Gli integratori di Omega-3 fanno male?

Omega-3: essenziali per la tua salute

Gli acidi grassi omega-3 vengono definiti anche “essenziali” come alcune vitamine, perché il corpo non è in grado di sintetizzarli e devono quindi essere introdotti con l’alimentazione.

La recente letteratura scientifica riporta ormai numerosi studi che dimostrano l’importanza degli omega tre per il tuo benessere, in quanto:

  • Abbassano il colesterolo totale e aumentano il colesterolo “buono” HDL, contribuendo a mantenere il tuo cuore sano
  • Riducono i tuoi trigliceridi anche del 40%
  • Abbassano la tua pressione arteriosa
  • Migliorano la tua memoria, la concentrazione e l’apprendimento
  • Sono essenziali perché la tua pelle rimanga sana e vitale, e ne contrastano l’invecchiamento
  • Ostacolano la formazione di trombi
  • Diminuiscono il rischio d’infarto
  • Abbassano il rischio per alcuni tipi di cancro
  • Diminuiscono i sintomi dell’angina e delle palpitazioni cardiache
  • Sono essenziali nella gestazione
  • Riducono il rischio di degenerazione maculare dei tuoi occhi
  • Migliorano il tuo umore e le forme di depressione
  • Rinforzano il tuo sistema immunitario
  • Migliorano i sintomi della psoriasi,dell’artrite reumatoide, dell’Alzheimer, del morbo di Crohn, del Lupus, della schizofrenia, dei disturbi bipolari, della sindrome pre-mestruale e delle mestruazioni dolorose

Inoltre:
sono costituenti delle membrane cellulari
• rimpiazzano i grassi saturi rendendo le membrane cellulari più fluide, prevenendone l’irrigidimento e il deterioramento
• sono utili nelle funzioni del sistema ormonale
• aiutano il corpo a mantenere la sua temperatura

Sarebbe quindi necessario avere un’alimentazione molto ricca di pesce, possibilmente di taglia piccola in modo da evitare l’inquinamento da mercurio ed altre tossine, presenti in nei pesci medio-grandi al vertice della catena alimentare.

Il fabbisogno minimo giornaliero di omega-3 (come consigliato anche dalla FAO) è l’1,5% del fabbisogno calorico giornaliero.

Ad esempio se assumi con l’alimentazione 1800 kcal al giorno dovresti ingerire almeno 3 g di omega tre, dose che in realtà spesso non si riesce a raggiungere perché gli alimenti ricchi di questi grassi non sono molto appetibili, e non tutti vogliono o riescono a mangiare ogni giorno pesce.

Nel caso tu non riesca a raggiungere le quantità giornaliere raccomandate di Omega-3 attraverso l’alimentazione, diventa allora fondamentale la scelta di un integratore.

..
Basta davvero qualche pillola comprata al supermercato?

Insomma sembra facile: per mantenersi in salute e prevenire molte malattie basta prendere ogni giorno una capsula o più di Omega-3, magari acquistata al supermercato.

Peccato che non sia così: il 90% dei prodotti venduti da supermercati, erboristerie, negozi online e perfino farmacie sono quanto meno inefficaci, se non dannosi per la salute.

Se hai acquistato una confezione di Omega-3 fai una cosa molto semplice: leggi l’etichetta e verifica quanti omega-3 sono contenuti per 100 grammi di prodotto.

Ho davanti a me una confezione di una marca molto pubblicizzata venduta in farmacia: all’interno ci sono 17 grammi di omega-3 (indicati anche come EPA e DHA) per 100 grammi di prodotto, insomma solo il 17%!
In un’altra confezione acquistata al supermercato ce ne sono il 12%…

Questo significa che per assumere la quantità minima raccomandata di omega-3 (in media 3 grammi al giorno) dovrei prenderne almeno 27!

Quindi 2 o 3 capsule al giorno di questo tipo di integratori sono sicuramente inutili… ma allora da che cosa è costituito il restante 90% della capsula?

Per cercare di capirlo ho provato a verificare sui loro siti internet se esistono dei certificati di analisi, anche per verificare la qualità dell’olio di pesce utilizzato. Non avendo trovato nulla, ho provato anche a scrivere alle ditte, ma senza alcun risultato.

Questo ultimo aspetto è molto importante: se l’olio di pesce è di bassa qualità, a causa dell’inquinamento marino è possibile trovare al suo interno degli inquinanti molto pericolosi come il mercurio, o addirittura cancerogeni come le diossine e il PCB.

..

Come scegliere un integratore di qualità

Ma facendo qualche altra ricerca si possono trovare dei prodotti di altissima qualità, degli integratori di olio di pesce che contengono una percentuale molto elevata di omega-3 (superiore al 60%) e che sottopongono ogni lotto di produzione all’analisi di un istituto indipendente, riconosciuto a livello mondiale dai principali produttori di omega tre.

Questo istituto si chiama IFOS -International Fish Oil Standards con sede presso la University of Guelph in Canada- e sul loro sito è possibile trovare l’elenco aggiornato delle ditte e le relative analisi dei prodotti.

Proprio per l’elevata qualità del prodotto – praticamente è puro al 100% – questo tipo di olio è chiamato “di Grado Farmaceutico” – in inglese Pharmaceutical Grade Fish Oil, in sigla PGFO.
L’elenco delle ditte e delle analisi è consultabile sul sito di IFOS (in inglese) raggiungibile cliccando su questo sito (in fondo alla pagina).

Delle 93 ditte che producono olio di pesce di grado farmaceutico certificato da IFOS , il Miglior Acquisto è la canadese A-M B-Well perché:

  • i prezzi sono scontati fino al 40% rispetto ai concorrenti ed ha il rapporto qualità/prezzo migliore in assoluto, soprattutto se si acquistano più flaconi;
  • produce il più puro tra gli oli di pesce di grado farmaceutico: ha un contenuto di PCB (inquinanti tossici simili alla diossina) decisamente più basso rispetto ai concorrenti, e migliaia di volte più basso rispetto a quanto stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, praticamente ai limiti della tracciabilità.
    Pur in queste quantità minime ed inoffensive, la presenza di PCB in un integratore di Omega-3 può aiutarci a capire la purezza delle materie prime utilizzate (pesce pescato in mari poco inquinati) e la qualità del processo produttivo di raffinazione.
  • A-M B-Well ha la certificazione IFOS su TUTTI i lotti di produzione, quindi hai la certezza di acquistare un prodotto purissimo e freschissimo;
  • A-M B-Well PGFO è prodotto nella forma di trigliceride naturale in modo da assicurare una biodisponibilità fino al 250% più alta rispetto alla forma di estere etilico contenuta in altri prodotti (insomma devi assumere meno capsule per ottenere gli stessi effetti).Omega-3 A-M B-Well
    Il certificato di analisi (virtualmente esente da inquinanti, concentrazione del 65% di Omega-3) è consultabile qui: certificato omega-3

TUTTI i lotti prodotti dal 2006 fino ad oggi da A-M B-Well™ Inc. hanno ottenuto il punteggio massimo di 5 stelle da parte di International Fish Oil Standards, con la classificazione di “Prodotto Eccezionale”.

Aspetti negativi? Essendo un olio di pesce di grado farmaceutico ha un costo maggiore dei generici integratori da supermercato. Ma se si decide di utilizzare gli omega-3 per migliorare o mantenere la propria salute, non avrebbe senso acquistare un prodotto scadente, anche se economico.

Ti faccio poi notare che integrare la propria alimentazione con gli omega-3 di grado farmaceutico ha un costo giornaliero inferiore a quello di un caffè

Il servizio clienti di A-M B-Well ( [email protected] )risponde a qualsiasi domanda in tempi brevi, al massimo nel giro di poche ore.

E’ preferibile acquistare casse da 12 flaconi, in modo da avere lo sconto massimo, visto che comunque la scadenza è sempre lontana (3 anni circa).

Se migliaia di clienti italiani (oltre 13 mila persone seguonoA-M B-Well su Facebook) integrano la loro alimentazione ogni giorno con A-M B-Well PGFO significa che ottengono risultati concreti.


Puoi acquistare A-M B-Well PGFO su questo sito:

www.OlioDiPesce.it


Spero di esserti stata utile e… mi raccomando, prima di acquistare leggi sempre l’etichetta!


..

P.S.

Per capire ancora meglio l’importanza dell’integrazione di grassi Omega tre concentrati e distillati molecolarmente riporto un brano dal libro “La Zona Omega 3rx” (Sperling & Kupfer Editori) del Dr. Barry Sears, biochimico e ricercatore del Massachusetts Institute of Technology , ed ideatore della Dieta a Zona:

“Come avrete già ampiamente inteso, io sostengo con convinzione l’opportunità di integrare la dieta con dosi elevate di olio di pesce. Prima di decidermi a consigliare ad altri una mia nuova concezione dietetica, la sperimento sempre su me stesso, sui miei famigliari e sui miei collaboratori.

L’olio di pesce ad alto dosaggio è in prova già da tre anni su un gran numero di pazienti, con risultati sempre stupefacenti, come potrete verificare più in dettaglio nella Parte terza.

Dato che le dosi da me raccomandate sono alquanto elevate rispetto agli standard abituali (ma non rispetto agli standard storici), consiglio di procurarsi l’olio di pesce concentrato e distillato più volte.

Questo tipo di olio di pesce risulta persino superiore alle mie specifiche, pur rigorose, riguardanti la purezza del prodotto: in pratica, le sostanze nocive, come i PCB o il DDT, sono ridotte a livelli bassissimi, grazie ad un processo di raffinazione che esclude anche l’eventualità di essere colpiti da disturbi gastrointestinali spesso associati ad oli di pesce di qualità inferiore.

Al grado di integrazione di omega-3 da me consigliato, un olio di pesce meno purificato provocherebbe un accumulo di impurità tossiche che si sono dimostrate capaci i danneggiare il sistema ormonale, causando fastidiosi disturbi intestinali (formazione di gas, dolori addominali e diarrea) e, in qualche caso, anche il cancro.”

Menopausa: gli Omega-3 allungano e migliorano la vita

Oltre 30 mila studi scientifici dimostrano che gli Omega-3 svolgono un ruolo fondamentale per la salute umana.
I risultati evidenziano che un apporto adeguato di Omega-3 deve essere parte integrante di uno stile di vita sano, proprio come l’esercizio fisico e un’alimentazione ben bilanciata.

Gli effetti benefici degli Omega-3 sull’equilibrio ormonale si riflettono anche sui sintomi della menopausa.

Uno studio condotto presso l’Ospedale Ginecologico Sant’Anna di Torino ha dimostrato che gli Omega-3 sono efficaci nel controllo delle vampate di calore, sintomi tipici di questa fase della vita femminile.
Un ulteriore studio canadese ha confermato i risultati, rilevando che in sole 8 settimane utilizzando un integratore di Omega-3 è possibile ridurre del 55% questo disturbo.

Secondo una ricerca dell’Harvard Medical School di Boston (Stati Uniti) basta assumere per 8 settimane 2 grammi al giorno di Omega-3 per ridurre sia le vampate di calore che i sintomi della depressione.
Il trattamento è risultato efficace nel 70% delle pazienti e nel 45% dei casi i sintomi della depressione sono scomparsi.

Infine un recente studio, pubblicato sul Journal of Clinical Lipidology, ha coinvolto circa 6.500 donne in post menopausa.
Monitorando lo stato di salute delle partecipanti per circa 15 anni, i ricercatori hanno scoperto che le donne con una maggiore quantità di Omega-3 in circolazione nel sangue corrono un rischio di morire del 20% inferiore rispetto a quelle con meno Omega-3.
Questo beneficio si verifica solo con gli Omega-3 derivanti dal pesce, e non con quelli di origine vegetale.

Il tutto, sottolineano i ricercatori, senza che l’assunzione di questi nutrienti causi significativi effetti collaterali.

Fonti in inglese: Studio Ospedale S. Anna sulle vampate
Studio dell’Harvard Medical School di Boston su vampate e depressione
Studio sulla mortalità e Omega-3 in menopausa

Gli Omega-3 ti difendono dalle malattie causate dallo SMOG

Gli Omega-3 possono ridurre della metà i danni causati dall’inquinamento atmosferico.

La scoperta arriva dalla Harvard Medical School che ha confermato come le particelle delle smog possano penetrare attraverso i polmoni in altri organi, come il cervello e i testicoli.

Lo smog aumenta enormemente il rischio di malattie: il 94% dei decessi è dovuto a malattie che vengono peggiorate o che sono fortemente correlate con lo smog, come malattie cardiovascolari (aumenta il rischio di aterosclerosi), ictus (lo smog entra nel cervello e potrebbe esserci anche una correlazione con l’Alzheimer), BPCO – broncopneumopatia cronica ostruttiva (chi abita in città ha un rischio maggiore del 54% di BPCO) e cancro ai polmoni.

L’inquinamento dell’aria, inoltre, aumenta il rischio di infezioni respiratorie acute.

In questo studio si dimostra che gli effetti dell’inquinamento possono essere diminuiti da un terzo alla metà grazie alla capacità di ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo degli Omega-3.

“Consiglio vivamente di assumere Omega-3 per contrastare i problemi di salute dovuti all’inquinamento atmosferico”, ha affermato il Dr. Kang, che ha diretto la ricerca.

I ricercatori raccomandano una dose di Omega-3 compresa tra i 2 e i 4 grammi al giorno, equivalenti a 4 capsule di A-M B-Well PGFO oppure 1 cucchiaino da tè di Liquid Gold.

Fonte in inglese: ScienceDirect

L’olio di pesce è più prezioso del caviale

Il Dr. Sears, il ricercatore del MIT tra i principali esperti sull’impatto della dieta sulla risposta ormonale, l’espressione genetica e l’infiammazione, oltre che ideatore della dieta a Zona, ha recentemente pubblicato sul proprio blog una comparazione tra il caviale e gli integratori di Omega-3 di Grado Farmaceutico.

Il caviale, oltre che il suo prezzo, è infatti conosciuto anche per i benefici per la salute.

Facendo una ricerca sui contenuti in Omega-3 del caviale, si scopre che contiene mediamente 3,2 g per una porzione da 50 g.
Considerando il costo del caviale, questi 3,2 g di Omega-3 costano tra 50 e 1000 Euro!
In confronto per ottenere la stessa quantità di Omega-3 da un integratore di olio di pesce di Grado Farmaceutico come A-M B-Well, il costo medio è di circa 1,50 Euro.
Non occorre un grande scienziato per capire qual è l’affare migliore!
Sono necessari 50 g di caviale per avere la stessa quantità di Omega-3 contenuta in 5 capsule di A-M B-Well PGFO oppure 1 cucchiaino da tè di Liquid Gold.

Il Dr. Sears conclude raccomandando di utilizzare l’olio di pesce di Grado Farmaceutico come fonte di Omega-3 al posto del caviale, e (scherzando) di utilizzare i soldi risparmiati per acquistare gioielli costosi. Quantomeno durano più a lungo.

Omega-3 per prevenire l’Alzheimer

Molti studi hanno evidenziato come gli Omega-3 proteggono il cervello dall’invecchiamento precoce e aiutano a prevenire malattie degenerative come l’Alzheimer.

In uno studio svedese del 2014, i ricercatori avevano osservato che i livelli piu’ elevati di Omega-3 DHA corrispondevano con un miglioramento nella malattia di Alzheimer e dell’infiammazione nel fluido cerebrospinale.

Secondo una revisione pubblicata nel gennaio 2017 su “Jama Neurology”, elevate dosi di integratori di Omega-3 di tipo DHA possono aiutare a prevenire la demenza di Alzheimer.

L’elaborazione dei dati dimostra che, a confronto dei soggetti che non mangiano pesce, il consumo di una porzione di pesce una volta alla settimana si associa a un rischio significativamente inferiore di demenza di Alzheimer.

I ricercatori hanno evidenziato che i supplementi di olio di pesce sono efficaci nell’Alzheimer, in particolare nei soggetti non affetti dalla malattia.

Gli studiosi sperano che questa nuova revisione delle attuali prove di efficacia degli Omega-3 sull’Alzheimer susciti un rinnovato interesse per il finanziamento della ricerca sul DHA.

Ti ricordo che 1 capsula di A-M B-Well PGFO oppure 1 ml di Liquid Gold contengono 200 mg di Omega-3 DHA (e 400 mg di Omega-3 EPA).

Fonte in italiano: Farmacista33 
Fonte in inglese: PubMed – US National Library of Medicine

Gli Omega-3 certificati Ifos sono tutti uguali?

Il tuo sistema digestivo converte le particelle di cibo in molecole naturali che l’organismo riconosce e quindi possono essere facilmente assorbite (sono cioè “biodisponibili”).

La struttura chimica in cui gli Omega-3 EPA e DHA si trovano naturalmente nell’olio di pesce è quella dei trigliceridi (TG).

Esistono in commercio degli integratori di Omega-3 ad alta concentrazione che hanno invece la struttura chimica di estere etilico (EE).
Qual è la differenza?
Una struttura diversa influisce sull’assorbimento degli Omega-3: infatti secondo diversi studi scientifici, la forma naturale trigliceride (TG) è molto più biodisponibile rispetto alla forma sintetica EE, questo significa che è possibile assumere una quantità minore di Omega-3 in forma TG per ottenere gli stessi benefici.

Con paragone l’olio di pesce naturale 100%, la base TG assicura una biodisponibilità del 124%, mentre la forma EE solo del 73% .

Questo avviene perché la lipasi (enzima digestivo dei grassi), riesce meglio a rompere i legami carbonici degli omega-3 EPA e DHA nella forma naturale TG.
Inoltre la forma naturale TG è più resistente all’ossidazione rispetto alla forma EE (quindi può essere conservata più a lungo).

Come lato negativo la produzione di Omega-3 in forma TG implica dei costi dal 50% a 80% maggiori rispetto a quelli in forma EE.

Quindi è bene integrare la propia alimentazione con un olio di pesce di PURO GRADO FARMACEUTICO che sia nella forma di trigliceride naturale TG come quelli prodotti da A-M B-Well.

Bibliografia: http://www.oliodipesce.it/trigliceridi_estere_etilico.html

L’olio di pesce meglio dell’aspirina come anti-infiammatorio

Gli Omega-3 EPA e DHA contenuti nell’olio di pesce hanno dimostrato di avere un effetto anti-infiammatorio più potente dell’aspirina.

Lo studio della University of Rochester (New York) è stato effettuato per 28 giorni confrontando una dose giornaliera di 650 mg di aspirina, con l’assunzione di 3,4 g di Omega-3 EPA e DHA.

Le conclusioni dello studio hanno mostrato che gli Omega-3 hanno effetti maggiori rispetto all’aspirina sull’infiammazione e l’angiogenesi.

I ricercatori evidenziano come per ottenere questi effetti siano necessarie dosi di Omega-3 più alte rispetto a quelle ottenibili con la normale alimentazione.

Questa è una notizia fantastica per tutti coloro che cercano di ridurre l’infiammazione e il dolore senza l’assunzione di farmaci che possono avere effetti collaterali.
Gli effetti collaterali più noti dell’aspirina sono i danni allo stomaco e del tratto gastrointestinale.

Inoltre gli Omega-3 EPA e DHA hanno dimostrato di avere effetto migliori rispetto all’aspirina anche nel contrastare l’angiogenesi, una caratteristica dei trattamenti contro il cancro.
L’angiogenesi è la formazione di nuovi vasi sanguigni, attraverso i quali i tumori si procurano il nutrimento.

Le dosi utilizzate nello studio equivalgono a 5 capsule di A-M B-Well PGFO oppure 1 cucchiaino da 5 ml di Liquid Gold al giorno.

Fonte in inglese: PubMed US National Library of Medicine National Institutes of Health

Difendi la tua pelle dal freddo con gli Omega-3

viso-pelle-inverno-ridimensionatofSiamo ormai in pieno autunno, e la stagione invernale si avvicina.

Il freddo e l’aria con poca umidità mettono sotto pressione la nostra pelle, che spesso diventa secca, screpolata, pruriginosa.

Il freddo infatti fa rallentare le attività della pelle: con un minor afflusso di sangue dovuto alla vasocostrizione viene rallentata la produzione di grassi in grado di trattenere l’acqua.

Ma per combattere la pelle secca o l’eczema la soluzione non può essere rappresentata solo da chili di crema idratante.
Si può invece provare ad affrontare il problema dall’interno verso l’esterno.

Gli Omega-3 di grado farmaceutico aiutano infatti a normalizzare i grassi della pelle e a prevenire la disidratazione delle cellule.

L’idratazione rinforza le cellule della pelle, riducendo la comparsa delle rughe sottili.
Inoltre gli Omega-3 prevengono i processi infiammatori ed ossidativi che stanno alla base dell’invecchiamento e della perdita di tono ed elasticità cutanei.

Insomma anche in questa stagione l’olio di pesce è un valido alleato per mantenere la pelle più liscia e più giovane.

Previeni le mallattie autoimmuni

lupusUn’equipe di ricercatori della Michigan State University ha annunciato di aver verificato che l’assunzione con frequenza dell’Omega-3 DHA permette di bloccare lo sviluppo del lupus e altre malattie autoimmuni.

I risultati dello studio preclinico, pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica PLoS One, sono stati estremamente positivi.

I ricercatori hanno analizzato l’effetto del DHA sulle lesioni causate dal lupus nei polmoni e nei reni delle cavie geneticamente predisposte alla malattia, e hanno notato che “il 96% dei danni è stato ridotto con l’integrazione di DHA”.

Con l’uso del DHA sembra si sia trovata un rimedio potentissimo contro il Lupus e altre malattie autoimmuni: “Non avevo mai visto una risposta protettiva così drastica”, ha affermato il Dott. Jack Harkema, uno dei principali autori dello studio.

I ricercatori ipotizzano che il DHA aiuti le cellule a inviare un segnale anti-infiammatorio nel corpo, così da bloccare la risposta autoimmune. Già nel 2012 uno studio aveva mostrato come gli Omega-3 aiutano a prevenire i sintomi neuropsichiatrici associati alle malattie di origine autoimmune.

1 capsula di A-M B-Well PGFO e 1 ml di Liquid Gold contengono almeno 200 mg di DHA.

Fonte in italiano:
Medimagazine

Fonte in inglese:
Michigan State University

Dimagrisci con gli Omega-3

dimagrireUn numero crescente di studi scientifici mostra come gli Omega-3 siano un valido aiuto per perdere peso e contrastare l’obesità.
Vedi un recente articolo su Il Sole 24 Ore

Un nuovo studio dell’Università di São Paulo ha scoperto che l’assunzione di supplementi di olio di pesce inverte gli effetti negativi sulla salute di una alimentazione ricca di grassi.
Per quattro settimane i ricercatori hanno alimentato due gruppi di cavie con una alimentazione ad alto contenuto di grassi, inserendo nella dieta del gruppo di prova dell’olio di pesce.
Al termine della procedura il team ha analizzato la resistenza all’insulina ed i depositi di grasso, e ha scoperto che le alterazioni metaboliche negative erano assenti nelle cavie che avevano ricevuto supplementi di olio di pesce.

Studi precedenti avevano già mostrato come l’assunzione di Omega-3 porti a una diminuzione del grasso che si deposita a livello dell’addome, intorno agli organi interni.
Nel corso delle ricerche è stato ipotizzato che promuovendo una riduzione dei trigliceridi in circolazione, l’aumento dei livelli di Omega-3 porti a un minor accumulo di grasso nelle cellule.

Un altro beneficio degli Omega-3 sembra essere l’aumento della massa magra, grazie al loro effetto vasodilatatorio che permette ai muscoli di utilizzare più nutrienti, rendendoli meno disponibili per la produzione del grasso.

Infine alcuni studi suggeriscono anche che una dose di Omega-3 riduca la sensazione di fame al termine dei pasti.

Fonte in italiano:
Il Sole 24 Ore

Fonti in inglese:
The Journal of Physiology
University of Liverpool
U.S. National Library of Medicine

Gli Omega-3 riparano il cuore

Secondo una nuova ricerca sugli effetti di un attacco di cuore, alte dosi di Omega-3 tutti i giorni per 6 mesi migliorano la funzione del cuore e riducono le ‘cicatrici’ sul muscolo danneggiato.

Nello studio su 180 pazienti sono stati somministrati 4 grammi di Omega-3 al giorno per 6 mesi, mentre nel gruppo di controllo di altri 180 pazienti è stato utilizzato un placebo (sostanza inerte).

Il Dott. Kwong Said, della Harvard Medical School di Boston, ha affermato che “I nostri risultati mostrano che gli Omega-3 sono un trattamento sicuro ed efficace nel migliorare il rimodellamento cardiaco, e potrebbero essere promettenti nel ridurre l’incidenza dell’insufficienza cardiaca o di morte”.

Ricordiamo gli altri effetti benefici degli Omega-3 sul cuore: riducono i trigliceridi, la pressione sanguigna, le aritmie e il rischio di trombosi; migliorano la salute delle arterie e la circolazione, aumentano il colesterolo “buono” HDL.

Ma non tutti gli Omega-3 sono adatti ad essere assunti ad alte dosi per lunghi periodi.
E’ assolutamente necessario assumere Omega-3 di qualità superiore provvisti di Certificato IFOS 5 Stelle su tutti i lotti di produzione a garanzia di purezza, qualità e concentrazione.

Fonte: Adnkronos